Condividi su facebook Condividi su Google Plus Condividi su twitter Feed RSS Eventi

Prima di leggere altro

Le nostre scelte

Tra le pagine abbiamo incontrato personaggi che sono diventati nostri amici e ci faranno compagnia per il resto della vita.
Abbiamo visitato luoghi lontani, partecipato a pranzi conviviali e a balli di gala, viaggiato nel tempo e conosciuto mondi creati dalla fantasia di autori geniali.
Ci siamo sentiti liberi di sognare.
Alcuni libri lasciano ricordi indelebili e sono parte di noi.
Suggeritemi quelli che amate di più.

Costruiamo insieme la nostra libreria ideale.

ufficiostampa@moodlibri.it

Massimo

Torna all'elenco
Diario della guerra al maiale
Genere: romanzo
Autore: Bioy Casares, Adolfo
Editore: Cavallo di ferro
Aggiunto il: 04/02/2013
Consigliato da: 2 lettori
Diario della guerra al maiale

 

Un bel giorno, all'improvviso, i giovani di Buenos Aires, decidono che chiunque abbia più di cinquant'anni è inutile alla società. Si scatena così una strana e misteriosa guerra: la 'guerra al maiale', e per una settimana intera i giovani si impegnano a dare la caccia ai 'vecchi' e a sterminarli. Il ciclone investe un gruppo di amici pensionati, più o meno coetanei, che tra di loro si chiamano "i ragazzi" e che gravitano tutti intorno alla figura di don Isidro Vidal. La guerra contro gli anziani sconvolgerà le piccole, maniacali abitudini del gruppo, proiettando su di esso una luce che deformerà tutto ciò che prima veniva considerato 'normale'. L'erotismo degli anziani, "i maiali", fino a quel momento solo dissimulato, viene adesso considerato pura perversione, un'oscenità che offende il senso dell'estetica, una cosa da eliminare. I vecchi si vedono così obbligati a improvvisare una difesa disperata. Devono imparare a muoversi per la città in orari improbabili, devono vivere nascondendosi dai loro propri figli,"i giovani". Insomma, esplode una vera a propria guerra tra due gruppi rivali che hanno però un nemico comune: l'inevitabile passare del tempo. Eppure, in mezzo alla bufera di questa tenibile guerra, fiorisce, come in un moderno Giulietta e Romeo, l'amore 'segreto' tra il vecchio Vidal e la giovane Nélida...

Bioy Casares, Adolfo
Diario della guerra al maiale

 

Bioy Casares nacque a Buenos Aires, nipote di un ricco proprietario terriero e produttore caseario. Scrisse la sua prima storia ("Iris y Margarita") all'età di 11 anni. Fu amico e assiduo collaboratore di Jorge Luis Borges e scrisse numerose storie con lui, sotto lo pseudonimo di Honorio Bustos Domecq. Bioy Casares e Borges furono presentati nel 1932 a Victoria Ocampo, la cui sorella, Silvina Ocampo, Bioy Casares sposò nel 1940. Nel 1954 adottarono la figlia che Bioy Casares aveva avuto da un'altra donna, Marta, che morì nel 1994 in un incidente automobilistico tre settimane dopo la morte di Silvina Ocampo, lasciando due bambini. Il patrimonio di Silvina Ocampo e Adolfo Bioy Casares fu accordato da un tribunale di Buenos Aires a un altro figlio, Fabián Bioy - nato da un'altra relazione di Adolfo Bioy Casares - poco prima che morisse, all'età di 40 anni, nel febbraio del 2006.

A Bioy Casares sono stati conferiti, nel corso della sua vita numerosi premi e riconoscimenti, fra cui il Gran Premio de Honor della SADE (la Società Argentina degli Scrittori, 1975) ed il Premio Miguel de Cervantes (concessogli nel 1991 ad Alcalá de Henares). È stato inoltre insignito di una delle più prestigiose onorificenze francesi, Légion d'honneur (1981), e, nel 1986, ha ottenuto il titolo di cittadino onorario di Buenos Aires.

Lo scrittore è sepolto nel cimitero della Recoleta di Buenos Aires.

^ Torna in cima