Condividi su facebook Condividi su Google Plus Condividi su twitter Feed RSS Eventi

Il tempo di Mood

Iniziative ed eventi

Archivio news

Storia della mia purezza di Francesco Pacifico con Gianluigi Ricuperati
30 Aprile 2010 ore 16:30-19:00
Storia della mia purezza di Francesco Pacifico con Gianluigi Ricuperati

MOOD Libri & Caffè presenta "Storia della mia purezza" (Mondadori) l'ultimo romanzo di Francesco Pacifico.

Dopo "Il caso Vittorio" (minimum fax 2003) e 2005 d.C. (Einaudi Stile Libero 2005) Pacifico torna con un romanzo-viaggio di formazione servito da una scrittura potente e incisiva. Modera l'incontro lo scrittore, saggista e giornalista torinese Gianluigi Ricuperati.

LA TRAMA

Piero Rosini è un giovane integralista cattolico. Con una bella moglie altrettanto cattolica, una casa vista Ikea a Porta di Roma, tanti amici uguali a lui, "intellettuali organici in golf a strisce e mocassini da tranviere", e un lavoro come redattore alla casa editrice Non Possumus - ultracattolica, naturalmente. Diretto ormai a testa bassa verso la santità, eroe della rinuncia e dell'astinenza sessuale, Piero è costretto suo malgrado a realizzare che dentro di lui si sta facendo largo un io sepolto e rimosso che lotta per tornare in superficie. Gli basta vedere ballare sua cognata Ada, florida ventiquattrenne fiera della propria verginità, per non togliersi più dalla testa quelle tette immacolate. Ed è seguendo questa versione ruspante di sé che Piero abbandona Roma e il libro a cui sta lavorando - un controverso saggio contro Giovanni Paolo II -, per trasferirsi da solo a Parigi, città tentatrice per eccellenza. Dove le sue certezze si sgretolano in un vortice di "vorrei ma non posso" che lo conduce a una fatale, esilarante schizofrenia.

MediEtà: la lotta contro il Tempo di tre giovani donne.
22 Aprile 2010 ore 16:30-19:00
MediEtà: la lotta contro il Tempo di tre giovani donne.

MOOD Libri & Caffè presenta MediEtà [libro edito da Giancarlo Zedde] di Daniela Cigliano, Silvana Delfuoco, Roberta Massirio, autrici torinesi doc o di adozione.

Media l’età delle protagoniste della storia; media la loro collocazione nel mondo; medio il tono della narrazione.
Tre donne sono le protagoniste del romanzo, tre amiche «per  caso», diverse nella sensibilità, nella storia personale, nelle aspirazioni, ma unite dalla magica ricerca della fontana della giovinezza. Tre protagoniste e un antagonista, il Tempo, e se la lotta appare impari, la vittoria della battaglia, anche se non della guerra, è delle tre donne.
Il romanzo si muove tra città e paesaggio alpino, tra Piemonte e Provenza, fra amore e avventura.
Finale aperto, che gioca sul tradizionale «lieto fine», colorandolo di sorridente ironia.

Partecipano le autrici, interviene Lidia Benone e legge dei brani Ornella Pozzi.

 

Le "Storie Cattive" di Marco Cattarulla da MOOD
20 Aprile 2010 ore 16:30-19:00
Le "Storie Cattive" di Marco Cattarulla da MOOD

MOOD Libri & Caffè presenta Storie Cattive (Il Filo) di Marco Cattarulla (nativo di Ciriè), accompagnato da Andrea Borla, giornalista e scrittore piemontese.

 Perché "storie cattive"? Nei quattro racconti del giovane Marco Cattarulla si respira l'inquietudine, quel filo sottile che ci dà la sensazione che ci sia qualcosa che non va, che non è al suo posto, che sfugge al controllo del buon senso e della logica umana. La natura, grande protagonista, si ribella, si muove e assume sembianze sconvolgenti, "togliendo sotto ai piedi del genere umano le loro certezze e le loro forze". E si va al di là della netta suddivisione tra buoni e cattivi, perché i cattivi lo sono talmente tanto da travalicare quel confine tutto umano fatto di calcolo e assenza di scrupoli. Sembra che ci sia qualcosa di più forte, di più grande che sfugge al loro stesso controllo. E, intanto, seguiamo e aspettiamo che i buoni capitolino, senza gloria, senza possibilità alcuna. La vittoria, se così la si può chiamare, è sempre nelle mani di qualcun altro e si rivela una sconfitta, un precipizio che sconvolge l'ordine e il senso.

 

La mente e le rose di Simona Castiglione, raccolta di racconti edita da Transeuropa
16 Aprile 2010 ore 16:30-19:00
La mente e le rose di Simona Castiglione, raccolta di racconti edita da Transeuropa

MOOD Libri & Caffè presenta l'esordio in undici racconti di Simona Castiglione. "La mente e le rose" verrà introdotto da Demetrio Paolin di Transeuropa. Sarà presente l'autrice.

IL LIBRO

"La mente e le rose" vede tragedia e commedia alternarsi nelle vicende dei personaggi che raccontano. L’autrice esplora coraggiosamente un ambito in genere poco indagato dalla letteratura, quello delle malattie neurologiche e neuropsichiatriche: le storie di vita di questi “ammalati”, preziose e volatili, rimangono spesso nel chiuso delle famiglie o degli ospedali.  Il libro le fa uscire tutte assieme, queste vicende, come i “risvegliati” del dottor Oliver Sacks, che andavano in gita col pulmino. Il lettore si abbandonerà al dolente piacere di conoscere (riconoscere?) i protagonisti dei racconti, costretti dalla loro patologia a restare sul perimetro dell’esistere, ma con l’anima saldamente posta al centro dell’essere.

Presentazione del romanzo di Rosa Mogliasso "L'assassino qualcosa lascia" con Luca Bianchini
08 Aprile 2010 ore 16:30-19:00
Presentazione del romanzo di Rosa Mogliasso "L'assassino qualcosa lascia" con Luca Bianchini

Giovedì 8 aprile, MOOD ospita l'autrice torinese Rosa Mogliasso e presenta il suo esordio letterario edito da Salani "L'assassino qualcosa lascia". Modera l'incontro lo scrittore e speaker radiofonico Luca Bianchini.

Il romanzo "L'assassino qualcosa lascia" è candidato alla sestina della 58esima edizione del rinomato Premio Bancarella.

La trama

Alma Peressi, ricchissima e disperata, aspetta che la polizia venga ad arrestarla. Su di lei pesa la responsabilità di un delitto atroce, più un'altra serie di colpe minori: un marito avvocato che ama rimorchiare giovani esotici e ruspanti nei parchi pubblici; una figlia eternamente sballata, tossicodipendente per noia; un'infelicità inestinguibile che l'avvolge da capo a piedi come un abito firmato, di quelli che si fa fatica a indossare, ma una volta messi è impossibile togliere. I commissari Gillo e Zuccalà, incaricati di indagare su quel delitto, scoprono però che molti altri personaggi, ben più torbidi e pericolosi, vi sono coinvolti; e sullo sfondo di una Torino familiare e minacciosa a un tempo, tra delinquenti istruiti e poliziotti stressati, si snoda una vicenda tragica e irresistibilmente comica, ricca di piani minuziosi e scherzi del destino, una storia nerissima illuminata di speranze - come la vita, del resto.

 

^ Torna in cima