Condividi su facebook Condividi su Google Plus Condividi su twitter Feed RSS Eventi

Il tempo di Mood

Iniziative ed eventi

Archivio news

Nomi, cose, città. Viaggio nell'Italia che compra di Arnaldo Greco. Partecipano l'autore e Massimo Gramellini.
28 Gennaio 2010 ore 17:30
Nomi, cose, città. Viaggio nell'Italia che compra di Arnaldo Greco. Partecipano l'autore e Massimo Gramellini.

MOOD Libri & Caffè prosegue e termina la rassegna letteraria organizzata in tre incontri (il primo si è svolto il 15 gennaio 2010 in compagnia di Gianluigi Ricuperati e del suo libro “La tua vita in trenta comode rate” (Laterza) insieme a Dario Voltolini e il secondo ha visto protagonista il libro a tre voci “Guida letteraria alla sopravvivenza in tempi di crisi” edito da Transeuropa con la partecipazione di Franz Krauspenhaar e Guido Michelone) dal titolo “I volti del consumo, le espressioni della crisi”. L’idea è nata dall’interesse e della curiosità che il tema del consumo moderno è in grado di scatenare tra gli addetti al settore, ma soprattutto tra la gente comune, confusa da un overflow di informazioni. Non solo consumo, però, ma anche schiavitù rateale che ci invischia nelle sue spire, cambiamenti dei mercati alimentari europei inaspettati e interrogativi a cui la crisi ci chiede di rispondere mentre ci sentiamo sospesi su un vuoto che sembra inghiottire non solo materialmente, ma anche e soprattutto psicologicamente.

Terzo e ultimo incontro

28 gennaio 2010, ore 18.30

MOOD Libri & Caffè, via Cesare Battisti 3/e - Torino

Nomi, cose, città. Viaggio nell’Italia che compra (Fandango)

Di Arnaldo Greco

Partecipano l’autore e Massimo Gramellini

Italia 2009. Nonostante la crisi l'italiano medio è ancora un consumatore da primato. Compra e vende, spesso, senza avere i soldi per farlo. Attraverso otto reportage dallo sguardo lieve e ironico Greco racconta questo aspetto del paese impazzito. Un viaggio con il quale scopriamo tic, mode, novità, luoghi assurdi e manie, ma anche lati meno illuminanti del nuovo consumismo.

Guida letteraria alla sopravvivenza in tempi di crisi con Franz Krauspenhaar e Guido Michelone
21 Gennaio 2010 ore 17:30-20:00
Guida letteraria alla sopravvivenza in tempi di crisi con Franz Krauspenhaar e Guido Michelone

MOOD Libri & Caffè prosegue la rassegna letteraria organizzata in tre incontri (il primo si è svolto il 15 gennaio 2010 in compagnia di Gianluigi Ricuperati e del suo libro “La tua vita in trenta comode rate” (Laterza) insieme a Dario Voltolini) dal titolo “I volti del consumo, le espressioni della crisi”. L’idea è nata dall’interesse e della curiosità che il tema del consumo moderno è in grado di scatenare tra gli addetti al settore, ma soprattutto tra la gente comune, confusa da un overflow di informazioni. Non solo consumo, però, ma anche schiavitù rateale che ci invischia nelle sue spire, cambiamenti dei mercati alimentari europei inaspettati e interrogativi a cui la crisi ci chiede di rispondere mentre ci sentiamo sospesi su un vuoto che sembra inghiottire non solo materialmente, ma anche e soprattutto psicologicamente.

***

Secondo incontro

21 gennaio 2010, ore 18.30

MOOD Libri & Caffè, via Cesare Battisti 3/e - Torino

Guida letteraria alla sopravvivenza in tempi di crisi (Transeuropa)

Di Stefano Amato, Fabio Genovesi, Franz Krauspenhaar

Partecipano Franz Krauspenhaar e Guido Michelone

La crisi è già finita? La crisi è appena cominciata? E quale insegnamento possiamo trarre da quanto è successo e ancora minaccia di accadere? Sarà la fine del mondo che conosciamo? Ma cosa ci aspetta dopo?

Come durante la «drôle de guerre», la fase “inerte” del secondo conflitto mondiale, gli osservatori si domandano se il periodo di stagnazione che stiamo vivendo costituisca oggi il culmine o l’inizio di una crisi più vasta, e insieme l’avvio di un cambiamento in ogni caso decisivo.  

Alla maniera dei film d’autore a episodi degli anni Settanta, Transeuropa ha chiesto dunque a tre dei suoi migliori narratori – in rappresentanza di altrettanti centri geografici del nostro paese – di raccontare questi (primi?) mesi di crisi provando a rintracciarne i tratti destinati, nel bene e nel male, a lasciare il segno. Tre scrittori di talento narrano, con spirito fantastico, ma non troppo, un ipotetico futuro ancora da vivere.

 

La tua vita in trenta comode rate di Gianluigi Ricuperati con Dario Voltolini
15 Gennaio 2010 ore 17:30-20:00
La tua vita in trenta comode rate di Gianluigi Ricuperati con Dario Voltolini

MOOD Libri & Caffè presenta una rassegna letteraria organizzata in tre incontri dal titolo “I volti del consumo, le espressioni della crisi”. La domanda che tutti si pongono è: come siamo arrivati a questo punto? Quali sono le dinamiche socio-economiche che hanno innescato un effetto domino di dimensioni mondiali? Che cosa accadrà nei prossimi anni e a che cosa dobbiamo prepararci? Sarà possibile una ripresa o dobbiamo arrenderci all’idea che niente sarà più come prima? A che cosa ci sta spingendo la mania del consumo e in che modo i nostri atteggiamenti quotidiani stanno cambiando, plasmandolo, il mercato?

Un tentativo, insieme a scrittori italiani e relatori di spicco, di fare luce su una situazione globale – non sempre chiara – attraverso testimonianze, esperienze sul campo, reportage, occhi che scrutano e appuntano.

Primo incontro

15 gennaio 2010, ore 18.30

MOOD Libri & Caffè, via Cesare Battisti 3/e - Torino

La tua vita in 30 comode rate di Gianluigi Ricuperati (Laterza)

Gianluigi Ricuperati, scrittore e giornalista torinese che aprirà la rassegna accompagnato da Dario Voltolini, racconta l’indebitamento rateale, simbolo di una tendenza che si espande a macchia d’olio e che lascia segni indelebili, rendendoci schiavi dei nostri stessi desideri. Istituti di credito che spuntano come funghi e a cui sembra impossibile resistere. Status sociali da mantenere, vite in bilico tra voglia di lusso e mancanza di liquidi. Un paese che, lentamente, sta scivolando nella ragnatela del debito che toglie il sonno. Ricuperati si muove abilmente nel quartiere benestante Crocetta di Torino, ma potrebbe essere ovunque. Inquietante ritratto di un’Italia schiacciata dal dio denaro.

^ Torna in cima